Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
the misfit of demon king academy silver link

The Misfit of Demon King Academy – La recensione

Un nuovo protagonista onnipotente!

Benvenut* alla recensione dell’anime di The Misfit of Demon King Academy! Prima di cominciare, ricorda che sul nostro sito potrai trovare altre recensioni che potrebbero interessarti, come:

Black Lagoon

Monster

Prison School

L’anime di The Misfit of Demon King Academy è tratto da una serie di light novel, divenuto poi manga nel 2018. La serie animata è stata trasmessa nel coro della stagione estiva 2020, con tredici episodi diretti da Shin Onuma, per lo studio Silver Link.

Il nome completo è molto più lungo, come spesso accade per opere tratte da romanzi: The Misfit of Demon King Academy: History’s Strongest Demon King Reincarnates and Goes to School with His Descendants (魔王学院の不適合者 ~史上最強の魔王の始祖、転生して子孫たちの学校へ通う~ Maō Gakuin no futekigōsha: shijō saikyō no maō no shiso, tensei shite shison-tachi no gakkō e kayō), conosciuto anche come Maō Gakuin no futekigōsha (魔王学院の不適合者).

La serie è al momento consultabile sul Crunchyroll americano, in attesa dell’estensione delle licenze.

sasha misha necron misfit academy waifu

 

La trama di The Misfit of Demon King Academy

Al termine di una guerra durata oltre duemila anni, Anos Voldigoad, re della fazione dei demoni, convoca i suoi nemici per proporre un patto finalizzato alla pace. Sacrificherà la propria vita, portata via dalla mano dell’eroe Kanon, allo scopo di porre fine alla guerra e garantire prosperità a tutte le razze.

Una volta reincarnato, il re demone troverà un mondo molto differente da come lo aveva immaginato. Alcuni demoni, che si spacciano per diretti discendenti del re, governano in un sistema di classi.

Anos, divenuto adulto pochi giorni dopo la sua rinascita, si reca all’accademia di magia, per indagare sull’accaduto e per rivendicare il suo titolo.

Non può sospettare che agli abitanti di questo mondo è stata nascosta la verità sul passato. A cominciare dal nome del re demone.

Misfit of Demon King Academy

 

Struttura dell’opera

I tredici episodi di cui è composta la serie si possono dividere in diversi archi narrativi, che raccontano le diverse fasi in cui si dipana la trama.

Inizialmente vediamo Anos fare la conoscenza con i suoi compagni di scuola, non senza ostacoli. Sarà infatti subito costretto a mostrare i suoi poteri soverchianti, quando sarà aggredito da un nobile che vuole affermare la sua superiorità (ma ha evidentemente fatto male i suoi conti). La questione sarà risolta in breve tempo, ma questo scontro segnerà la vita dell’accademia fin dal primo giorno.

Nella fase successiva vediamo il consolidamento della posizione di Anos all’interno della scuola, dopo aver risolto un grosso problema alle sorelle Necron ed aver attirato così le attenzioni di altri compagni dalla sua parte, dopo un timore iniziale dato dalla sua posizione di reietto, a seguito del fallimento dell’esame di ammissione.

Le cose iniziano a complicarsi quando cominciamo a scoprire ulteriori dettagli sul mondo attuale e su quello che appare molto diverso, e molto strano, rispetto a come dovrebbe essere.

Ci sono indizi di tradimenti e inganni che vanno fino ai piani alti dell’impero, fino agli stessi demoni anziani.

La risoluzione si avrà nella fase finale, in cui avverrà la resa dei conti tra Anos e l’impostore che si spaccia per il re demone, arrivando ad una lotta in cui la posta in gioco è il destino del mondo.

the misfit of demon academy

 

Analisi

The Misfit of Demon King Academy è una serie molto leggera, che riprende i temi tipici del genere isekai, con particolare riferimento alla più recente tendenza ad esplorare il fenomeno della reincarnazione.

Il protagonista, al posto che recarsi in un altro mondo, torna nel proprio, nel passato o nel futuro, per risolvere la situazione in base alle proprie conoscenze e alle abilità sopra la media.

In un mondo diviso in quattro spicchi, ognuno gestito da una razza differente, ci penserà il capo dei demoni a risolvere tutto.

Uno scenario un po’ strano per la cultura occidentale, ma non così assurdo per l’oriente.

L’onnipotenza del protagonista rende superfluo qualunque approfondimento dei personaggi, per quanto alcune delle sottotrame riescano a discostarsi dagli stereotipi di genere.

Ritroviamo comunque innumerevoli cattivoni che vogliono sbarrare la strada al protagonista e una manciata di ragazze pronte a mettere in gioco la propria vita per difendere l’eroe, ma il racconto scorre senza intoppi.

La vera sfida in questo caso sono le indagini, senza le quali un protagonista così potente avrebbe risolto ogni problema con la sola forza individuale.

La visione si conferma quindi piacevole, con un colpo di scena finale non completamente ovvio, per quanto potesse essere prevedibile dati alcuni indizi disseminati lungo la serie.

Una storia come tante, apparsa in una stagione in cui l’industria ha avuto mille difficoltà. Un precursore della nuova tendenza della “reincarnazione”, che accompagnerà e supererà presto il genere isekai

Potrebbe interessarti...

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Notizia

Che te ne pare di questo annuncio? Facci sapere la tua opinione nei commenti!

Notizia

Che te ne pare di questo annuncio? Facci sapere la tua opinione nei commenti!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0