La scelta di Pandora

0
Siamo negli Stati Uniti del XIX secolo. Pandora è una bambina per metà asiatica, orfana di madre e con un padre dedito più all’alcol che a lei. È cresciuta in una grande casa dove nella maggior parte delle stanze ogni cosa era coperta da lenzuola candide. È cresciuta sapendo di essere la figlia di una prostituta, e così ha iniziato a sentirsi la figlia di nessuno. Bersaglio della malevolenza di chi la circonda per il suo aspetto e per il carattere indomabile, Pandora si trasforma in una mina vagante nei salotti della buona società pieni di segreti e ipocrisia. Saranno degni avversari per il suo candore e la sua ironia? Com’ è morta la mamma di Pandora? Perché Cristopher non si curava di lei e passava il tempo a bere? “Mio padre”, dice la protagonista, “si faceva inghiottire dalle parole per costruire una fortezza nel vuoto”. Così la bambina entra in un circolo vizioso dove l’unico modo per conquistarsi l’attenzione del padre è ferirlo. Fino a quando Pandora, pur di scoprire qualcosa in più sulla storia della mamma, prova a sconsacrarne la tomba…