Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
kono danshi, konodan, soubi yamamoto, comix wave films

Kono danshi, sekika ni nayandemasu – Boys&Lovers

Una storia d'amore scolastica e fantastica in grado di sciogliere anche i cuori più gelidi

Sei appassionato di anime, manga o fumetti? Vorresti parlarne all’infinito ma i tuoi amici non ne possono più? Desideri leggere volumi in anteprima o partecipare alle fiere? Allora hai bisogno di noi!

In questo nuovo appuntamento con la rubrica Boys&Lovers continuiamo a occuparci della serie Konodan di Soubi Yamamoto. Il terzo episodio della serie è Kono Danshi, Akunin to Yobaremasu traducibile come Questo ragazzo viene chiamato cattivo, rilasciato però sotto forma di Drama CD.

Fortunatamente l’autrice ritorna subito dopo all’animazione con il quarto episodio, Kono danshi, sekika ni nayandemasu, che tradotto significa Questo ragazzo soffre di cristallizzazione. Si tratta, come per i primi due capitoli, di un OAV autoconclusivo della durata di circa 27 minuti.

kono danshi, soubi yamamoto, comix wave films

Prima di approfondire l’argomento, ecco qui altri articoli di questa rubrica che potrebbero interessarti:

Trama

Ayumu Tamari è uno studente delle superiori che soffre di una particolare patologia chiamata sindrome di cristallizzazione. Quando prova ansia il suo corpo inizia a trasformarsi in cristallo, e questo accade specialmente nei momenti in cui cerca di socializzare con i compagni di classe. L’unica persona con cui riesce a stabilire un legame è Koya Onihara, professore di scienze naturali e infermiere della scuola con la passione per i minerali, che consola il ragazzo ogni volta che scappa in infermeria per non far notare agli altri la sua trasformazione.

Con il passare del tempo il rapporto tra i due si farà più intimo, ma a un certo punto rischierà di diventare un’ostacolo alla crescita personale di Tamari. Una ferita nel passato di Onihara ha infatti reso il professore incapace di amare qualunque cosa non sia perfetta e immobile come un cristallo.

Impressioni personali

In questo quarto OAV si ritrovano tutte le caratteristiche tipiche di Soubi Yamamoto. Dal punto di vista estetico i cristalli offrono all’artista la possibilità di sbizzarrirsi con i riflessi iridescenti che costituiscono ormai la sua firma.

Dal punto di vista simbolico, invece, i minerali si prestano molto bene a numerose interpretazioni. In primo luogo rappresentano in maniera metaforica la paralisi che colpisce le persone molto timide e che spesso impedisce loro di comportarsi come vorrebbero per paura delle reazioni degli altri.

Nell’anime il toccare una parte del corpo cristallizzata di Tamari è un’azione connotata da un forte erotismo e funge quindi da ulteriore metafora per i rapporti sessuali.

Anche se apparentemente il cristallo sembre essere associato soltanto al personaggio di Tamari, in realtà esso include anche Onihara. Appassionato di mineralogia, l’insegnante ha un cuore indurito da un vecchio dolore e diventato ormai di pietra, come espresso da una frase rivelatrice del suo studente. Pietra e cristallo non sono altro che forme diverse degli stessi elementi, quindi fondamentalmente identici. La paura dei rapporti interpersonali è infatti un tratto che Onihara condivide segretamente con Tamari.

Potrebbe interessarti...

Fire Power

Fire Power, copertina speciale per il volume 3

Uta no Prince Sama

Uta no Princa-sama: in arrivo lo speciale

Dylan Dog

Dylan Dog e Vasco Rossi in edizione speciale

Speciale

Lord El-Melloi II’s Case Files: Rail Zeppelin Grace note, in arrivo l’edizione speciale

Wonder Woman

Wonder Woman – Speciale 80° Anniversario

Che ne pensi? Ti è piaciuto questo anime a sfondo liceale? O preferisci la fantascienza del primo episodio? Oppure il sirenetto del secondo OAV? Faccelo sapere nei commenti qui sotto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *