0

- La recensione

Era iniziata come una giornata uguale a tante altre e invece…

Scritto da Muneyuki Kaneshiro e disegnato da Akeji Fujimura, “As The Gods will” viene pubblicato per la prima volta in Giappone sulla rivista Bessatsu Shonen Megazine, da marzo 2011 a novembre 2012, per un totale di cinque numeri. Questa prima serie sarà distribuita nelle fumetterie e nelle edicole italiane da Star Comics, da novembre 2014 a marzo 2015.

TRAMA

Uno studente delle superiori, Shun Takahata, pensa di dover vivere una giornata come tutte le altre; non ci vorrà molto perché si renda conto di essersi sbagliato di grosso! Durante una delle solite lezioni, proprio nel bel mezzo di una spiegazione, al professore esplode la testa e al suo posto, sulla cattedra, appare una bambola daruma.

DA-RU-MA-SAN-GA…KORONDA!

Lo strano spirito, impersonato nella bambola, inizia con gli studenti un macabro gioco: paragonabile a “UNO-DUE-TRE…STELLA”, la regola prevede la morte violenta per i giocatori perdenti. Superata questa prova, i superstiti saranno obbligati a partecipare ad altri giochi bambineschi dalle tinte raccapriccianti, poiché in gioco sarà sempre la loro vita.

E’ UNO SCHERZO DEL DESTINO O UN CAPRICCIO DIVINO?

Muneyuki Kaneshiro ha creato un’opera utilizzando un mix di generi: azione, drammatico, horror e soprannaturale. Le tematiche sono stata rappresentate egregiamente dal disegnatore Akeji Fujimura che, con il suo tratto deciso, riesce a conferire ai personaggi espressioni di immediata comprensione da parte del lettore. Le tavole, con una presenza minima di sfumature ed un’evidente combinazione di bianco/nero, danno un forte senso di spazio alla pagina; il lettore non avrà nessuna difficoltà ad apprezzare nella totalità i disegni che rappresentano le scene di questo manga.

Una storia basata sulla lotta per la sopravvivenza a fronte di macabre prove; per gli amanti del genere non sarà difficile gustarsi gli ingredienti che compongono quest’opera. Piccola osservazione sulla trama: un po’ povera per via del finale aperto e per la mancata spiegazione riguardo la provenienza della bambola daruma. Per fortuna una seconda serie è stata prodotta al fine di completare questo insolito manga .

Ho trovato As The Gods Will molto coinvolgente. Ogni capitolo obbliga il lettore a rimanere a leggere l’intero volume senza utilizzare segnalibri. Nonostante siano presenti alcuni vuoti sulla trama, gli amanti del genere avranno pane per il loro denti. Scene crude e folli,  rendono questo fumetto unico nel suo genere. Il lettore rimarrà con molte domande dopo aver concluso  questo manga.

Aggiungi qui il testo dell'intestazione

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ho trovato As The Gods Will molto coinvolgente. Ogni capitolo obbliga il lettore a rimanere a leggere l’intero volume senza utilizzare segnalibri. Nonostante siano presenti alcuni vuoti sulla trama, gli amanti del genere avranno pane per il loro denti. Scene crude e folli,  rendono questo fumetto unico nel suo genere. Il lettore rimarrà con molte domande dopo aver concluso  questo manga.

3+