Naviga
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Recensione dell’anime conosciuto con il nome abbreviato di Dakaichi

Quest’anime yaoi è tratto dal manga di Hashigo Sakurabi, iniziato nel 2014 e ancora in corso. Attualmente conta cinque volumi pubblicati dalla casa editrice Libre Shuppen, i cui capitoli escono sul magazine Be x boy, mentre la trasmissione dell’anime è avvenuta dal 5 ottobre al 28 dicembre 2018 con un totale di 13 episodi di 24 minuti ciascuno. Le animazioni sono state realizzate da Clover Works (The Promised Neverland).

Partiamo dicendo che questo è stato un anime abbastanza chiacchierato, tanto che uno dei protagonisti principali è finito in seconda posizione nella classifica dei “personaggi più affascinanti nel 2018”. Una scelta più che discutibile a mio parere, anche se questa scelta dei fan penso sia stata più spinta dalla novità di questa serie. Per quanto ami questo anime, la scelta di tale posizione è… PER ME E’ NO!

La trama

“Takato Saijyo ha regnato come “Il più sexy” nell’industria degli idol per cinque anni, fino all’arrivo di un attore novellino, Junta Azumaya. Takato è sempre stato considerato freddo, mentre il sorriso di Azumaya conquista i cuori delle ammiratrici. L’intero fallimento porta Takato a lasciarsi andare alla consolazione dell’alcol e le sue azioni catturano l’attenzione dell’ultima persona che vorrebbe vedere. Per sua sorpresa, Azumiya utilizza questa nuova informazione per ricattare Takato chiedendogli di andare a letto con lui.”

La trama di primo acchito potrebbe non sembrare particolarmente brillante, ma ha il suo perché. La storia è abbastanza lineare con quella del manga, che però è stata soggetta a moltissime censure. Le parti tagliate non sono state mai inserite e non sono state nemmeno pixellate, nonostante siano presenti delle scene erotiche e di sesso esplicito tra i due, la parte clou è stata completamente cancellata. (Mi dispiace fan dello yaoi!)

Qui abbiamo personaggi diversi, l’unica caratterizzazione effettiva è quella dei protagonisti Takato e Junta, dove si potranno vedere dei brevissimi flash della vita passata, ma nulla di che. I due attori dominano la scena, anche se avrei preferito un maggiore approfondimento su di loro ma anche sugli altri personaggi secondari come Chihiro e Ryo. Anche se la personalità vacillante di Junta è abbastanza discutibile, passando da un dolce “angelo” a uno stalker perverso. Ci sono addirittura delle scene assurde in cui al suo arrivo viene piazzata in sotto fondo una colonna sonora inquietante se non demoniaca, giusto per dare l’idea del disagio di Takato. Parliamone!

Però, parliamoci seriamente, non possiamo pretendere chissà cosa per due semplici motivi:

  1. nemmeno nel manga sono stati approfonditi granché;
  2. il manga è ancora in corso e potrebbe riservare sorprese.

In soldoni, ritengo che questa serie non sia affatto male, specialmente il design dei personaggi e le scene fatte davvero bene. (Sì. Okay. Da fan dello yaoi diciamo che molte fanno sbavare). Credo però che l’anime avrebbe potuto dare di più se non avessero censurato completamente alcunescene. Nonostante le critiche ammetto che ho amato questa serie e non vedo l’ora che esca la seconda.

Forse la cosa più bella di questo anime è vedere i due protagonisti combattere e crescere insieme, affrontare le brutte situazioni diventando sempre più forti proteggendo la persona che amano.

Consiglio questa serie per gli amanti dello yaoi, puntualizzando che dovrete chiudere un occhio per la questione tagli e censura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *