0

Ecco la nostra recensione sull'opera edita da Bao publishing

Il mese scorso avevamo recensito il primo volume della serie culto creata da Alan Moore e Kevin O’Neill: La lega degli Straordinari Gentlemen. Lo scorso 5 settembre, è uscito in tutte le librerie e fumetterie, il secondo volume che vede protagonisti gli eroi del periodo vittoriano: Mina Murray, Allan Quatermain, il Capitano Nemo, Griffin l’uomo invisibile e Mister Hyde.

TRAMA

Dopo gli eventi del primo volume, veniamo a conoscenza che, a seguito di una guerra che li ha visti perdenti, i marziani raggiungono la Terra su degli strani cilindri metallici che piovono dal cielo. Il gruppo si ritrova un’altra volta unito e scopre che da questi oggetti cilindrici escono degli alieni tentacolari che cominciano a costruire delle macchine di distruzione. Dopo il fallimento di alcuni tentativi di annientare il nemico, il gruppo viene diviso: Nemo e Hyde restano a Londra per difendere la città dalla minaccia aliena, mentre Mina e Quatermain vengono mandati a cercare l’arma che potrà porre fine a questa invasione!

 

 

STRUTTURA DELL’OPERA

In questo secondo volume troviamo un minor numero di colpi di scena rispetto alla prima avventura, che tuttavia sono impostati bene e si intrecciano perfettamente durante tutto il racconto della trama. Vengono aggiunte sia scene cruente che alcune scene di sesso. La storia viene raccontata in molto più fluido e non stanca neanche per un secondo (a differenza del primo volume dove c’erano alcuni dialoghi troppo lunghi). Questa volta nei personaggi viene fatta vedere una parte introspettiva molta interessante, dove ci vengono dette le loro paure, le insicurezze, i loro pensieri e i loro desideri in modo così diretto e naturale che non si può fare a meno di apprezzarne ogni singola pagina.

 

IMPRESSIONI PERSONALI

Il secondo volume l’ho letto tutto d’un fiato, sia perché è molto più leggero rispetto al primo, sia perché la storia prende alcune pieghe molto interessanti (la trama è ispirata ai due racconti di Herbert George Wells: La Guerra dei mondi e La macchina del tempo). Ho apprezzato la scelta nell’illustrazione della prima scena di sesso che viene alternata agli eventi che succedono al di fuori di quella stanza da letto, rendendo tutto l’evento meno pesante e molto più passionale rispetto a come poteva essere vedendola tutta insieme. Un’altra cosa che mi è davvero piaciuta in questo volume è la caratterizzazione di tutti i personaggi che compongono la lega, soprattutto il personaggio di Mister Hyde che apre il suo cuore a Mina Murray, e ci permette così di vedere anche in lui un lato umano, nonostante lui stesso rifiuti questo suo aspetto. Forse, l’unica pecca di questo volume è stata il non approfondire maggiormente tutto il discorso dei personaggi che troviamo su Marte e, anche se dà un tocco di classe in più, mi sarebbe piaciuto leggere i discorsi fatti tra i marziani, invece di farli parlare nella loro lingua.

In conclusione, la seconda parte della storia è molto più avvincente della prima, per quanto mi riguarda. La trama diventa anche molto più interessante e non vedo l’ora di leggere il terzo volume per scoprire come si evolverà tutta la storia e quali ostacoli dovranno superare i nostri eroi!

Ottima continuazione della storia che questa volta pecca solo di alcuni dettagli, ma nel quadro generale di tutta l’opera non pesano minimamente. Se avete dato possibilità al primo volume, questo riuscirà a conquistarvi senza alcun dubbio!

Aggiungi qui il testo dell'intestazione

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ottima continuazione della storia che questa volta pecca solo di alcuni dettagli, ma nel quadro generale di tutta l’opera non pesano minimamente. Se avete dato possibilità al primo volume, questo riuscirà a conquistarvi senza alcun dubbio!

1+