0

iBento – scopriamo come cucinare i nikuman

Bianchi, tondi e soffici, i nikuman sono dei semplici panini ripieni di carne.

0

0

Nel terzo millennio lo street food è sempre più presente nel nostro quotidiano. La vita frenetica, l’agenda piena di impegni ci spingono a consumare pasti veloci.

Panini, sandwich, toast e affini riempono gli stomaci di noi occidentali.

E in Giappone?

Onirigi e dango sono i cibi più noti nonché spesso citati in anime e manga.

Polpette, bento di ogni genere, spiedini di seppia vengono acquistati nei vai Konbini (piccoli market aperti 24h) e chioschi, pronti per essere consumati subito.

Se noi addentiamo un caldo cornetto alla crema, gli edochiani si gustano dolcetti ripieni di fagioli rossi e tra le varie leccornie nipponiche ritroviamo i nikuman.

La prima volta che vidi questi panini di carne fu in un episodio del mio anime preferito Sailor Moon.

Usagi camminava per le strade di Azabu Jubaan con in mano un grande sacchetto ricolmo di nikuman (tradotto in Italia con focaccine). Come in ogni episodio della prima serie, la biondina incrociava sempre il bel tenebroso Mamoru che, vedendo la ragazzina rimpinzarsi di panini, non perde occasione per deriderla e sottrarle un nikuman.

 

Come sono fatti queste focaccine che Usagi ingurgitava come caramelle?

I nikuman sono dei panini al vapore farciti di carne di maiale e spesso in Italia vengono venduti erroneamente come ravioli Xiaolab o di Singapore di ridotte dimensioni.

Ho avuto la possibilità di assaggiarli anche se non la versione originale e ammetto di averli trovati molto gustosi, ma un po’ pesanti.

La mia curiosità si è spinta oltre all’ordine della pietanza e ho cercato la ricetta per poterli cucinare direttamente a casa, ma come ogni pietanza straniera, gli ingredienti sono di difficile reperibilità.

 

Quello che vi propongo è una versione adattata alla nostra cucina.

Ingredienti

Impasto

  • 250 g Farina
  • 1 cucchiaio di lievito istantaneo
  • 1 cucchiaio di olio di semi
  • 25 g di zucchero
  • 5 g di lievito in polvere
  • 130 ml di acqua tiepida

Ripieno di carne

  • 150 g di fette i spalla di maiale
  • mezzo cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaino di salsa di soia
  • 1 cucchiaino di olio di semi
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
  • 1 cucchiaio di radice di zenzero tagliato fine
  • 100 g di foglie di cavolo
  • 40 g di cipollotti lunghi
  • 5 g di gamberetti essiccati (si possono trovare nei market orientali)
  • 2 g i funghi shiitake essiccati (si possono trovare nei market orientali)

Procedimento

Prendete i funghi essiccati e metteteli in ammollo in frigo per un’intera notte. Poco prima di adoperarli ricordatevi di strizzarli.

Rimosse la parte dei gambi più dura tagliate i funghi in fette sottili.

Passate ora ai gamberetti che sono stati messi in ammollo in acqua tiepida per circa un’ora. Con un coltello tritateli finemente.

Prendete ora l’acqua che avete usato per idratare i gamberetti e i funghi (sì, non si butta vi nulla) e filtratela con un colino per versarla in un recipiente e ad essa aggiungete altra acqua fino a raggiungere un totale di 130 ml.

Prepariamo ora l’impasto dei nikuman. Versa in una ciotola il lievito istantaneo, la polvere lievitante, il sale, zucchero e farina. Mescolate il composto con una spatola (non a mani nude, mi raccomando).

Aggiungete ‘olio di semi e continuate a mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Senza fermarvi, versate gradualmente il brodo tiepido mescolando il tutto finché il composto non diventerà liscio.

Usate la rimanente farina per il piano di lavoro (o tagliere) e impastate a mano il composto fino ad ottenere una palla pronta per essere riposta nella ciotola, coperta con pellicola trasparente.

Solitamente si conserva l’impasto crudo in frigorifero per facilitare la lievitazione, ma in questo caso bisogna inserire la ciotola in una scatola di polistirolo riempita con acqua a 40 gradi circa per 30 minuti.

Mentre attendete la lievitazione dell’impasto, cuocete a vapore la foglia di cavolo per circa un minuto e fatela raffreddare.

Rimossa la parte più dura, sminuzzate il cavolo e unitelo al cipollotto crudo e zenzero precedentemente tagliati finemente.

Passate ora alla carne. Tagliate le fette di maiale in pezzi da mezzo centimetri e versateli in una ciotola. Aggiungete sale, pepe, zucchero, olio di sesamo e mescolate.

Versateci la fecola di patate e mescolate, uniteci poi le verdure sminuzzate, i funghi, i gamberetti e mischiate il tutto fino ad arrivare a un composto omogeneo.

Formate otto polpette e lasciatele riposare su una taglia in attesa di essere avvolti dalla pasta in lievitazione.

Prendete l’impasto riposto dentro la spatola di polistirolo e formate otto palline uguali tra loro. Copritele con un canovaccio e fateli riposare per circa dieci minuti.

Con un piccolo mattarello (o un bicchiere liscio) stendete la pasqua fino ad ottenere un disco. Prendete ora le polpette di carne e posizionatele al centro del disco. Cercate ora di chiudere il panino radunando i bordi della pasta.

Riponete i nikuman in una vaporiera calda e copriteli con uno straccio. I panini stanno ora lievitando per una second e devono riposare per altri venti minuti prima di essere cucinati definitivamente.

Trascorsi i minuti necessari, i nikuman avranno raddoppiato la loro dimensione. Coprite la vaporiera e alzate la fiamma. Cuocete a vapore per circa 15/20 minuti e spegnete il fuoco senza rimuovere subito il coperchio.

Ora, dopo un lungo percorso culinario, i nikuman sono pronti per essere serviti e divorati!

 

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp