Naviga tra le sezioni

0

- La recensione

Dengeki Daisy il manga shoujo di Kyousuke Motomi

La recensione di oggi riguarda un manga shoujo un po’ vecchiotto, Elettroshock Daisy di Kyousuke Motomi, serializzato su Bessatsu Shoujo Comic a partire dal 2007, edito in 16 Tankoubon e poi pubblicato in Italia nel 2010 dalla Flashbook.

Nonostante non sia un manga decisamente recente ho optato per questo in quanto è uno dei pochi del genere che mi sia veramente piaciuto per vari motivi anche se ovviamente ha le sue pecche.

Ma prima di iniziare vorrei ricordarvi le precedenti recensioni, se non le avete ancora viste date un’occhiata ai seguenti link:

Trama

Teru, una ragazza orfana, rimane sola dopo la morte del fratello maggiore Souichirou. Questi, prima di morire, le lascia un cellulare con il contatto e-mail di Daisy, una persona a cui aveva affidato la sorella dicendogli di aiutarla quando lui non sarebbe più stato capace di farlo. Daisy diventa importante per la ragazza, le manda parole e discorsi incoraggianti attraverso il telefono, diventando il suo punto di riferimento. Un pomeriggio, dopo essere stata perseguitata dai bulli del Consiglio Studentesco, questi vengono misteriosamente allontanati e Teru rompe involontariamente una finestra della scuola. Il crudele bidello Tasuku Kurosaki la costringerà a lavorare per lui per ripagare il danno. Ci sarà poi un’evoluzione dei suoi sentimenti iniziali che caratterizzano il burrascoso rapporto padrone-serva e lei inizierà a domandarsi chi sia in realtà Daisy.

Struttura dell’opera

La storia è ricca di misteri, tranne l’identità di Daisy che verrà rivelata al lettore immediatamente e l’unica ad ignorarla per un tempo sarà proprio la protagonista. La storia infatti non si incentra sullo scoprire chi sia il fantomatico Daisy, i misteri da svelare saranno altri.

È ovviamente anche una storia d’amore in cui si segue l’evoluzione del rapporto tra i protagonisti ma anche la loro evoluzione personale, i loro pensieri.

Tra le pecche di cui parlavo prima ci sono alcune situazioni assurde e decisamente irreali, anche se a volte non sono da considerarsi pecche in quanto creano siparietti divertenti.

Personaggi

Teru Kurebayashi è una studentessa di 16 anni gentile, di carattere e sicura di sé, bullizzata a scuola perché orfana e povera. Rimane completamente sola alla morte del fratello maggiore, anche se ha un amico che non ha mai visto che le da conforto. Il fratello infatti le ha dato un cellulare con l’email di Daisy, una persona misteriosa che la incoraggia e protegge da lontano. Nonostante non l’abbia mai incontrato, ha così piena fiducia in lui. Dopo aver rotto la finestra della scuola diviene la serva del bidello Kurosaki Tasuku per ripagare i danni. Col tempo, i sentimenti di Teru per il suo master da negativi diventano romantici, inizia a domandarsi se lui, nonostante sia un bullo, non sia il suo dolce Daisy e se il cellulare del fratello sia in realtà qualcosa di più di quanto appare.

Tasuku Kurosaki è un ragazzo biondo di ventiquattro anni che lavora come bidello nella scuola di Teru, che fuma, beve e ha comportamenti violenti. Nonostante il suo atteggiamento spesso odioso, si preoccupa per Teru, la protegge ed è gentile con lei. La ragazza all’inizio non sa che Kurosaki è Daisy, un hacker che ha lavorato con suo fratello Souichirou, che prima di morire ha affidato a lui la sorellina. Secondo gli amici di Teru è un bel ragazzo, anche se non mostra quasi mai le sue emozioni. I suoi amici lo prendono in giro chiamandolo Lolicon o pervertito in quanto conoscono i suoi sentimenti per Teru. Kurosaki, nonostante provi dei profondi sentimenti per la ragazza, ritiene di non aver il diritto di amarla perché ha causato la morte di suo fratello.

Masuda è il manager dell’Ohanabatake, una sala da tè in stile occidentale, ed è chiamato master da Kurosaki e Riko. Nonostante il suo comportamento cordiale e la sua tendenza ad irritare Kurosaki con riferimenti alla sua relazione con Teru, può essere davvero pauroso. È a conoscenza di tutte le attività di Kurosaki come Daisy.

Riko Onizuka era un membro del gruppo di progettazione del fratello di Teru ed era la sua fidanzata. Tende a trattarla come una sorella minore e vive con lei nello stesso edificio in cui abita anche Kurosaki,  di cui è amica e spesso gli dà consigli riguardo la sua complicata relazione con Teru, lo prende in giro e lo punisce se non si comporta in modo opportuno con la ragazza. È il consulente scolastico della scuola di Teru ed ha trent’anni.

Kiyoshi Hasegawa è il migliore amico e compagno di classe di Teru. Ha tentato di scoprire di più sul perché sia rimasta così povera dopo la morte di suo fratello, nonostante questi fosse un brillante ingegnere. Nelle sue ricerche si mette nei guai assieme a Teru, ma viene salvato da Kurosaki. È un ragazzo intelligente e molto discreto, a cui il Master confida la vera identità di Daisy in segno di fiducia. Viene poi utilizzato come secondo “servo” per proteggere Teru, anche se Kiyoshi non esita a prendere in giro l’affetto del suo padrone per la sua migliore amica.

Kazumasa Andou è il preside della scuola di Teru ed è un vecchio collega di suo fratello e di Daisy. Appare come un personaggio comico che spesso esce da luoghi strani, piccoli e oscuri come prese d’aria e bidoni della spazzatura ed è un masochista, ma in realtà è una persona seria e si comporta come il capo del gruppo.

Rena Ichinose è la Presidente del Consiglio Studentesco, è attraente ma ha la tendenza ad avere relazioni con uomini inaffidabili. Utilizza la sua posizione per fare la prepotente con gli studenti poveri come Teru e Kiyoshi sia per privatizzare le strutture scolastiche. Teru con la sua gentilezza l’aiuta a smettere di comportarsi come un bullo e nelle sue relazioni sbagliate, diventando una delle sue prime vere amiche.

Haruka Sawaguchi è una delle compagne di classe e amiche di Teru, si comporta come una specie di capo nel gruppo e la incoraggia nella sua relazione con Kurosaki. È la prima amica a cui Teru dice di essere a conoscenza del fatto che Kurosaki e Daisy siano la stessa persona. Spesso è la prima a difendere Teru a scuola coinvolgendo anche gli amici a fare altrettanto.

Masumi Takeda è un vecchio collaboratore di Daisy, tenace ma non troppo astuto. Arriva nella scuola di Teru come nuovo insegnante di informatica ed amministratore della gestione delle informazioni, ma vuole solo avvicinarsi a lei per ottenere il suo cellulare, credendo che contenga il software a cui Souichirou stava lavorando prima di morire. Il suo primo tentativo di impossessarsi del cellulare viene sventato da Kurosaki, ma dopo il secondo Takeda decide di non voler più molestarla, perché è così determinata e gentile. Successivamente diventa un alleato di Daisy.

Sōichirō Kurebayashi è il fratello di Teru. Rispettato e ammirato, geniale ingegnere di computer che ha creato un team di ingegneri che includeva Tasuku Kurosaki e Riko Onizuka. È una figura misteriosa, viene mostrato solo in alcune scene comiche con la sorella oppure in scene più serie con le persone di cui si prendeva cura. Prima della sua morte, ha probabilmente creato un software che sarebbe stato venduto ad un prezzo molto alto, ma che è sparito misteriosamente. Ha costretto il suo amico Kurosaki ad impersonare il ruolo di Daisy. Muore a seguito di un cancro, ma Kurosaki è fermamente convinto di aver indirettamente causato la morte del suo amico.

Tetsuya Arai era il precedente insegnante di tecnologie dell’informazione e amministratore del sistema della rete scolastica. Aveva una relazione con Rena ed era il consulente del Consiglio Studentesco. Ha usato la sua posizione per appropriarsi indebitamente dei fondi della scuola, ma Teru con l’aiuto di Daisy lo ha smascherato. Dopo essere stato licenziato diviene una pedina in una serie di attività illegali contro Daisy. Preoccupato per Rena confida a Teru informazioni riguardanti l’organizzazione che lo tiene in pugno.

Chiharu Mori è l’attraente infermiera della scuola, che fa spesso insulti velati a Teru. Dopo aver tentato di usarla per svelare l’identità di Daisy, Kurosaki diventa gradualmente sempre più sospettoso riguardo a ciò che è capace di fare. Lei è la vera colpevole di diversi attacchi a Teru e Kurosaki, volti a ottenere informazioni sul pericoloso progetto che aveva creato Kurosaki stesso. Quando viene svelata la sua vera identità, sparisce dalla scuola e rimane alla larga.

Akira è un misterioso e inquietante ragazzo, somiglia un po’ a Souichirou, ma ha un sorriso da maniaco. È molto attaccato ed affezionato a Chiharu Mori, che è una sua complice. In seguito viene identificato come un hacker di talento della mafia informatica Hyperion, anche se è un agente poco operativo a causa del suo essere piuttosto infantile. È piuttosto vendicativo nei confronti di Teru e prova piacere a farle del male.

Amici di Teru – Tra gli amici di Teru ci sono i due fidanzati, Kako e Ken, Yoshi e Mei. Un gruppo comico, i cui membri si aiutano l’un l’altro e vedono Teru come il loro capo. Sono molto fedeli sia a Teru che agli altri amici.

Impressioni personali

Nonostante si parta dal cliché della povera orfana sventurata, bullizzata e che finisce in un mare di guai, la storia prosegue in modo non scontato. Infatti non è incentrata sullo scoprire chi è Daisy ma sui misteri collegati a lui e al fratello di Teru, Souichirou.

I personaggi sono ben caratterizzati, vengono analizzati i sentimenti, non solo amorosi, e anche i sensi di colpa di Kurosaki.

Non è solo drammatico e sentimentale, sono presenti diverse scene comiche. Come indicato una delle pecche è l’eccessività di alcune situazioni.

Il voto è 8, come anticipato uno dei migliori shoujo che abbia letto, dove la protagonista dimostra carattere e forza, non una delle solite damigelle in pericolo. Quando mente a Daisy o rifiuta di chiedere il suo sostegno non è perché non si fidi di lui ma al contrario non vuole che lui si stanchi di lei, non vuole apparire pesante e non vuole farlo preoccupare.

In conclusione su

Il manga della Motomi merita un 8 perché nonostante parta da dei cliché iniziali, sviluppa la storia con dei colpi di scena non scontati. I personaggi sono ben caratterizzati e soprattutto la protagonista non è la classica damigella in difficoltà ma una ragazza di carattere, forte, gentile, capace di aiutare gli altri. I sentimenti della coppia protagonista si sviluppano gradualmente e vengono analizzati, come i sensi di colpa di Kurosaki. Nonostante alcune scene siano esagerate spesso creano siparietti divertenti. Assolutamente da leggere, una storia romantica ma ricca di avventure e suspance, divertente ma anche drammatica, con un bel lieto fine.
avatar
  Sottoscrivi  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Il manga della Motomi merita un 8 perché nonostante parta da dei cliché iniziali, sviluppa la storia con dei colpi di scena non scontati. I personaggi sono ben caratterizzati e soprattutto la protagonista non è la classica damigella in difficoltà ma una ragazza di carattere, forte, gentile, capace di aiutare gli altri. I sentimenti della coppia protagonista si sviluppano gradualmente e vengono analizzati, come i sensi di colpa di Kurosaki. Nonostante alcune scene siano esagerate spesso creano siparietti divertenti. Assolutamente da leggere, una storia romantica ma ricca di avventure e suspance, divertente ma anche drammatica, con un bel lieto fine.
0