Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Attica

Attica la recensione del manga

Attica è il primo manga prodotto dalla nota casa editrice italiana Sergio Bonelli Editore, per la sua collana Audaci, nel formato tipico dei tankobon giapponesi

Attica è un fumetto, scritto e disegnato da Giacomo “Keison” Bevilacqua ed edito da Sergio Bonelli Editore, che racconta in modo distopico ed alternativo una storia di rivolta, di lotta al potere e di intolleranza verso la diseguaglianza, e lo fa in una chiave moderna, piena di citazioni e richiami ai fenomeni della cultura pop che hanno influenzato questa nostra generazione e quella appena passata.

Uscito per la collana Audace della Bonelli, Attica è la prima sperimentazione di stampa in formato Tankobon della nota casa editrice italiana, e racchiude, nei suoi sei volumi totali, tutta la voglia di sperimentare e di azzardare di questa particolare collana.
Ma di cosa parla Attica e quali sono i suoi punti di forza?

Prima di procedere con la lettura, vi consiglio anche queste nostre tre recensioni di altre opere di Sergio Bonelli Editore:

Attica

La trama di Attica

Questa è Attica, la città più bella del mondo. Quello è il muro che la circonda, eretto sopra inganni, massacri e bugie. Quello che senti adesso, è il silenzio di chi è complice. Quello che sentirai leggendo questa storia è l’urlo rabbioso dei Cinque. I cinque che faranno di tutto, pur di abbattere quel c**** di muro.

Con queste semplici frasi si apre la storia di Attica, di quello che è a tutti gli effetti un manga in un universo distopico. Attica è una città perfetta in un mondo normale, un utopia generale in cui ogni cosa è al suo posto, dove non esiste la povertà e dove i suoi cittadini possono vivere al massimo delle loro possibilità senza nessun tipo di mancanza o pensiero.

Attica è un illusione costruita all’interno di solide mura, controllate a vista da un esercito militare, e quello che il mondo sa di questo apparente paradosso è solo quello che le tv ed i media vogliono far conoscere, niente di più e niente di meno, alimentando il sogno di ogni cittadino al di fuori delle mura di riuscire, un giorno, ad arrivare a guadagnare la somma necessaria per potersi trasferire all’interno di esse.

Una città così perfetta però, non può reggere a lungo, ed i suoi cittadini sono diventati schiavi di quello che, a tutti gli effetti è un mondo impossibile da gestire, sempre felice, sempre perfetto, fino al primo passo falso, fino alla prima svista. In quel caso si verrà gettati fuori da questo mondo idilliaco, senza ritegno e senza preavviso, e bisognerà cercare di riguadagnare la cifra necessaria per poter tornare li dentro, oppure continuare a vivere nella speranza di fare tale somma stando appoggiati alle sue imponenti mura.

La storia di Attica ci presenterà i “Cinque”, ragazzi all’apparenza normali ma che nascondono doti e poteri che serviranno ad una figura misteriosa per tentare di abbattere questo muro illusorio e pieno di false speranze. Ognuno di loro avrà una qualità e un passato oscuro che verrà svelato nei diversi volumi che compongono l’opera, per arrivare ad un intreccio narrativo che li porterà a compiere l’impresa del secolo.

Attica recensione

Impressioni personali

I punti di forza di Attica, stanno tutti nella sua narrazione molto cinematografica e nei forti richiami alla cultura pop degli ultimi anni.
Leggere Attica sarà come guardare una serie Tv, con stacchi netti tra un volume e l’altro e tra i diversi capitoli della storia, che piano piano ricostruiranno un puzzle di avvenimenti e coincidenze che culminerà con una chiara visione sulla città e su tutte le sue luci ed ombre.

I personaggi che incontreremo nella storia, sia i Cinque protagonisti che tutti gli antagonisti e secondari, sono personaggi della narrazione classica rivisti in chiave moderna e distorta, e sarà molto divertente vedere i vari adattamenti che Bevilacqua ha deciso di intavolare per le figure che ha scelto, che vanno dai Pokémon a personaggi più classici come Frankestein o Pinocchio.

Alcuni personaggi verranno presentati al lettore caratterialmente molto simili alla loro controparte classica, mentre talvolta, il mondo distorto di Attica, avrà condizionato anche la loro mente e avrà dato a Bevilacqua lo spunto giusto per creare personaggi imprevedibili e molto diversi dalla loro natura letteraria. Sarà un buon allenamento per il lettore ritrovare i numerosi riferimenti sparsi all’interno dei sei volumi di Attica, per valutarne l’adattamento scelto dall’autore per il suo racconto.

Attica si può considerare a tutti gli effetti uno dei primi esperimenti manga di Sergio Bonelli, che racchiude tra i suoi 6 volumi complessivi, una forte vena di protesta e moltissimi riferimenti alla narrazione classica ed alla cultura pop degli ultimi anni. Un battle manga dai tratti molto classici ma dalla storia cinematografica e molto ben scritta, e con tavole molto pulite e ben disegnate.

In Attica andremo a leggere una storia di rivolta, votata al far riflettere su temi caldi come l’accoglienza e le diseguaglianze, con alcune immagini molto forti e d’impatto per la narrazione del fumetto, unite a scene di combattimento davvero ben confezionate e piene di riferimenti ai classici battle shonen, ed a personaggi presi dalla narrazione classica e dalla cultura pop moderna e rivisitati per l’occasione. I capitoli che suddividono l’opera si caratterizzano per la forte ispirazione alla serialità cinematografica, rendendo ogni numero ed ogni capitolo come una puntata di una serie Tv, con stacchi netti ed al culmine della tensione, rendendo il ritmo narrativo molto sostenuto e coinvolgente.

Potrebbe interessarti...

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti

Notizia

Che te ne pare di questo annuncio? Facci sapere la tua opinione nei commenti!

Knights of Sidonia

Notizia

Che te ne pare di questo annuncio? Facci sapere la tua opinione nei commenti!

Belle

Notizia

Che te ne pare di questo nuovo articolo? Facci sapere la tua opinione nei commenti!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
0