Otakult #21: Fruit Basket

Approfondimento dell'anime di Fruit Basket

Bentrovati anche questa settimana con l’appuntamento alla rubrica Otakult. Questa volta porto alla vostra attenzione la dolcissima storia di Fruit Basket, un anime trasmesso in Giappone dal 2001 e inedito in Italia. Tutt’ora è in onda il remake.

I principali personaggi di Fruit Basket

La trama

La storia di Fruit Basket, anime tratto dall’omonimo manga di Natsuki Takaya, racconta le vicissitudine di una ragazzina delle superiori, Tohru Honda, dopo essere rimasta orfana in seguito ad un incidente stradale che tolse la vita alla madre. All’inizio Tohru sarebbe dovuta andare a vivere con il nonno paterno ma, per via della ristrutturazione della casa, il parente le ha chiesto se poteva venire ospitata da un amico. Tohru, non volendo disturbare né preoccupare Uo-chan e Hana-chan, le sue due migliori amiche, si sistema in un bosco in una tenda, decisa a sopportare da sola l’intera situazione. Un temporale improvviso distrugge la tenda e, destino vuole, che venga ospitata proprio da tre membri della Famiglia Soma: Shigure, Yuki e Kyo. Subito viene a conoscenza del segreto della Famiglia Soma: una maledizione che costringere i membri ad assumere la forma del loro animale dello zodiaco cinese ogni qual volta vengono abbracciati da una persona del sesso opposto. Shigure è il cane, Yuki il topo e Kyo il gatto, l’animale rimasto estraniato dallo zodiaco. Tohru fin da subito si affeziona ai membri della Famiglia Soma, soprattutto a Yuki e Kyo, verso il quale mette subito in chiaro che adora il gatto dello zodiaco e che ha sempre desiderato essere nata nell’anno del gatto. Piano piano fa conoscenza di tutta la famiglia, portando una ventata di aria fresca tra i suo membri.

La leggenda dello zodiaco cinese

La leggenda della nascita dello zodiaco cinese ha un ruolo essenziale nella trama di Fruit Basket: decide infatti le caratteristiche psicologiche dei personaggi, gli intrecci della trama e le vicissitudine che i protagonisti dovranno superare nel loro percorso di crescita personale.

Tutto ha inizio quando tredici animali vengono chiamati dall’Imperatore di Giada, Signore del Cielo e della Terra, in occasione del suo compleanno, a partecipare a una competizione per assegnare il nome dei primi dodici classificati alle posizioni del calendario cinese. In ordine, questi animali, sono: il topo, il bufalo, la tigre, il coniglio, il drago, il serpente, il cavallo, la capra, la scimmia, il gallo, il cane, il maiale e il gatto.

A quel tempo il gatto e il topo erano amici ma, secondo la leggenda, il giorno della gara, per sviare il gatto, il topo fece finta di dimenticarsi di svegliarlo. Questo è il motivo per cui il gatto non fa parte dell’oroscopo cinese ed è una delle cause del fatto che Yuki e Kyo, rispettivamente topo e gatto, non vanno d’accordo, almeno all’inizio della storia anzi, si odiano proprio.

Uno dei classici battibecchi tra Yuki e Kyo

I personaggi di Fruit Basket e la loro crescita

Fruits Basket non è un semplice shoujo ma nasconde in esso diversi tipi di solitudine, inquietudini e paure che rispecchiano la realtà in cui molti ragazzi adolescenti sono costretti a vivere. La storia è più profonda di quanto possa apparire ad un primo impatto: ogni personaggio si porta dietro un mix di ansie, paure e problemi che dovranno essere affrontante per poter finalmente amare con sincerità e spontaneità non solo se stessi ma anche le persone a loro care.

Yuki Soma

Yuki non ha molta fiducia in se stesso: separato dai genitori da piccolo, viene cresciuto da Akiko, il capo famiglia, in una situazione di solitudine. Fin da piccolo Akiko gli dice che nessuno lo avrebbe mai voluto e che sarebbe stato odiato da tutti. Per questo Yuki è molto geloso della facilità con cui Kyo riesce a stringere amicizia e a interagire con i loro compagni di classe. La sua sfiducia in se stesso si riflette nel suo comportamento competitivo, nel fatto che cerchi costantemente di trovare un proprio posto all’interno della Famiglia.

Kyo Soma

Questo vale anche per Kyo. Nonostante il ragazzo possa apparire forte, è incredibilmente fragile. Si porta dietro il senso di colpa per non aver impedito l’incidente che uccise la madre di Tohru, nonché la vergogna della vera forma del suo segno zodiacale. Kyo è un personaggio profondamente solo, si sente incompreso dagli altri Soma e cerca in tutti i modi di attirarne l’attenzione. Tutto di lui sembra urlare: “Ci sono anche io!”.

Tohru Honda

Anche Tohru, gentile e altruista, è tormentata dal senso di colpa per non aver salutato la madre un ultima volta quel giorno che perse la vita. Cerca di sopportare tutto da sola, quasi avesse timore di affidarsi all’altro. Nel corso della storia la vediamo crescere, capire che non è sola, che è giusto chiedere aiuto nel momento del bisogno, affidarsi ai propri amici. Allo stesso modo Yuki e Kyo sconfiggono i propri timori, le loro paure, i loro traumi che si portano dietro fin dalla tenera età, crescendo e maturando fino alla completa accettazione di loro stessi, con i loro pregi e il loro difetti.

Fruit Basket è una delicata storia di crescita personale, accettazione e fiducia in se stessi. Una storia d’amore e di amicizia rappresentati con toni armoniosi, morbidi, che rispecchiano perfettamente la realtà dei ragazzi adolescenti. Impossibile non immedesimarsi con i personaggi, piangere e ridere con loro.

 

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry
1
avatar
  Sottoscrivi  
Notificami
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin